Nelle Langhe piemontesi parte la vendemmia 2014

Ultime news dalle Langhe: parte quest’oggi, ritardo di circa 7-10 giorni sulla data prevista, la vendemmia delle uve Pinot nero e Chardonnay per le basi spumante. Possiamo quindi dire che in Piemonte inizia ufficialmente la Vendemmia 2014.

Abbiamo chiesto ad Alberto Grasso, presidente dell’Associazione Vino Libero e direttore agronomico di Fontanafredda e Mirafiore, di raccontarci qualcosa in più su quest’annata che si sta per concludere. Ecco le sue parole:

 

“La campagna 2014 non è stata certamente facile. Il mancato consolidamento dell’alta pressione africana nelle regioni del nord Italia ha lasciato questi territori sotto l’influenza delle perturbazioni atlantiche determinando un clima tipicamente nordico.
L’inverno 2013/2014, particolarmente mite, aveva determinato un germogliamento anticipato e, seppur con un certo affanno, anche la fioritura aveva confermato questa tendenza. A determinare un brusco rallentamento sono stati i mesi successivi ed in particolare il periodo giugno/agosto. Giugno e luglio risulteranno i due mesi più piovosi degli ultimi 50 anni con un totale di oltre 200 mm di pioggia caduti in ben 29 giorni su 61 (quasi un giorno di pioggia ogni due!).

L’attesa ripresa termica, più volte evocata nel mese di agosto, si è rilevata poca cosa e anche questo mese è giunto al termine con temperature miti.
Il clima “anomalo” ha complicato notevolmente tutte le attività di campagna ed è stato necessario adottare strategie adeguate alle condizioni esistenti. Una difesa antiparassitaria accorta e scelte agronomiche attente sono risultate fondamentali per giungere alla raccolta con uve di qualità.
Il 2014 non ha concesso “disattenzioni” in vigna e solo le aziende “tecnicamente pronte” hanno saputo mantenere gli obiettivi qualitativi nel rispetto di quella “sostenibilità ambientale” oggi ritenuta importante ma troppo spesso declinata nei fatti.

Nei vigneti aziendali e in quelli degli agricoltori aderenti, gli impegni previsti nel disciplinare del progetto VinoLibero sono stati mantenuti. Quindi, ancora una volta, abbiamo ottenuto uve di qualità non impiegando concimi di sintesi e diserbanti e limitando gli interventi antiparassitari a quanto tecnicamente necessario. L’impiego dei modelli previsionali per le principali avversità e la rete di stazioni di monitoraggio creata, ha concesso ai tecnici di lavorare al meglio evitando danni alla produzione.
La vendemmia 2014 vedrà, in ogni caso, riaffermarsi con prepotenza la supremazia qualitativa dei grandi crù di Langa la cui vocazione viticola era parsa meno importante negli anni passati.
Per quanto concerne le uve precoci si osserva una situazione sanitaria buona e la maturazione sta procedendo lentamente ma con il giusto equilibrio tra la componente acida e quella zuccherina. Certamente i vitigni Pinot e Chardonnay saranno i meno penalizzati dal clima fresco del 2014 e ci attendiamo basi spumante molto aromatiche e strutturate. Anche la Maturazione del Moscato procede con lentezza e nella maggior parte dei campioni monitorati i parametri minimi richiesti non sono ancora stati raggiunti. Lo stato sanitario di questa varietà è più a rischio in quanto più sensibile al marciume ma il buon livello produttivo presente nei vigneti consentirà la selezione delle uve in fase di raccolta.
Per i vitigni medio precoci come il Dolcetto, l’Arneis e la Nascetta riferiremo nei prossimi giorni.”

 

Non ci resta quindi che augurare a tutti una buona Vendemmia!

Pubblicato il da Vino Libero in News, Vino Libero News