La sostenibilità in casa Borgogno…

Abbiamo chiesto ad Andrea Farinetti, che dal 2008 gestisce con passione Borgogno, una delle più antiche cantine di Barolo, che cos’è per lui la sostenibilità…

Ecco cosa ci ha risposto:

Andrea Farinetti BorgognoNoi di Borgogno crediamo in un valore importantissimo: quello di non far stancare la terra!

La terra è un bene prezioso e fortunatamente di una generosità immensa. Nonostante l’uomo la tratti malissimo, essa con molta eleganza continua giorno per giorno a trasmetterci delle emozioni senza eguali.

La terra è il nostro valore! La terra è la nostra fortuna!

Crediamo che trattare bene la terra sia importantissimo, questo significa SOSTENIBILITÀ!

È molto semplice definire la sostenibilità: per noi è restituire almeno il 50% di ciò che la terra ci dona. Impresa non facile! Perché ci regala la vita, una delle cose più importanti per qualsiasi essere vivente. Ci dona l’uva, un frutto magnifico, che se trasformata in vino, nel nostro caso, Barolo (se di Borgogno meglio), può regalarci emozioni meravigliose anche dopo 50 anni.

Come possiamo noi restituire il 50% di ciò che la terra ci dona? Semplice!

Smettendo di utilizzare tutta quella chimica inutile che riduce tempi di lavoro e ci fa dormire tranquilli, in cambio di un prodotto mediocre e di una terra rovinata.

Quindi BASTA con i concimi chimici, BASTA con i diserbanti, BASTA con troppi solfiti.

Grazie a tutti questi “basta” riusciamo a rispettare la terra mantenendo qualità e tipicità all’interno dei nostri vini che potranno parlarci di territorio e di identità. Perché se la nostra penisola ha una fortuna, è quella di essere “biodiversa” e sarebbe da stupidi andare a distruggerla omologando i prodotti per colpa della chimica.

La terra è un bene prezioso!

Noi contadini abbiamo il compito di non farla stancare…

Noi uomini abbiamo il compito di rispettarla e di interpretarla per poterla accompagnare passo dopo passo nella realizzazione di queste magnifiche emozioni…

Borgogno, produttori di emozioni!

 

Entra anche tu a far parte della Community di Vino Libero e scopri quello che ci hanno detto gli altri produttori »

Pubblicato il da Vino Libero in News